Perché sulla mia vettura  si accende la spia di cambio olio molto prima della scadenza del tagliando?

La necessità di ridurre le emissioni nocive dei motori ha portato i progettisti a implementare nuovi dispositivi sulle vetture moderne. Tra questi c’è il famigerato DPF (filtro antiparticolato).

In queste vetture è presente, quasi sempre, una spia sul cruscotto che segnala quando è tempo di sostituire l’olio motore. Gli utenti che usano le vetture per brevi tragitti, nel traffico cittadino, lamentano spesso l’accensione di questa spia con una frequenza molto maggiore a quella dei normali tagliandi (ad alcuni addirittura dopo solo 3.000 KM dall’ultimo cambio olio!).

Per capire cosa succede in questi casi è necessario, purtroppo, un breve discorso tecnico.

Il DPF è un filtro che funziona a “trappola”, nel senso che cattura il particolato presente nei gas di scarico in modo che questi escano dallo scarico più puliti. Il filtro, però, dopo un po’, si satura e non è più in grado di svolgere correttamente la sua funzione. Quando ciò succede il motore avvia un procedimento chiamato “rigenerazione” che serve a scaricare il filtro. In pratica il motore lavora in eccesso di carburante che poi passa dal filtro avviando una post-combustione del particolato.

Un utente che viaggia spesso fuori città e percorre lunghi tratti quasi non si accorge di nulla. La spia cambio olio si accenderà alle scadenze prescritte e tutto fila liscio come l’olio (appunto!)

Diversa è la situazione per chi usa la macchina per brevi tratti (casa-ufficio, casa-chiesa, casa-amante).

In questi casi il processo di rigenerazione non viene completato perché il motore viene spento troppo presto ed è troppo freddo per finire il ciclo. Su molti libretti di istruzioni è spiegato di non spegnere il motore quando il processo è in corso ma, si sa, chi legge mai il libretto?

Così al prossimo avviamento il motore ricomincerà il ciclo che, a sua volta, non sarà completato. Questa situazione comporta due conseguenze. Il filtro presto si occluderà completamente richiedendo l’intervento, costoso, di un tecnico e il lubrificante sarà inquinato e diluito dal carburante incombusto, facendo accendere la spia sul cruscotto.

Quindi come si fa?

Alcuni hanno risolto facendo rimuovere, fisicamente o elettronicamente, il filtro antiparticolato. Il problema è risolto alla radice, ma sappiate che è un’operazione assolutamente illegale!

Altre soluzioni meno drastiche? Innanzi tutto quando si sente il motore “girare strano”, un po’ più rumoroso del solito, evitate di spegnere il motore e aspettate che il ciclo di rigenerazione sia concluso (sentirete il motore girare normalmente). Di tanto in tanto recatevi su una strada aperta e percorrete alcuni chilometri tenendo il motore a 2500/3000 giri. Questa procedura ha una doppia funzione: innanzi tutto permetterà al motore di effettuare la rigenerazione del filtro correttamente e poi l’alta temperatura dell’olio favorirà l’evaporazione del carburante che lo inquina.

Non è necessario guidare velocemente: potete farlo in terza o quarta marcia. Indicare la frequenza con cui effettuare questa procedura è impossibile perché le variabili sono molte ma, penso che già una volta al mese potrà, nella maggioranza dei casi, essere sufficiente.

Prodotto aggiunto alla lista dei desideri
Prodotto aggiunto alla comparazione